Vendemmia 2010

E’ tempo di vendemmia per la Casa Vinicola Lanzara. L’ultimo giorno è dedicato al Cabernet Sauvignon. “Abbiamo iniziato a vendemmiare il 16 agosto con lo Chardonnay e il Sauvignon bianco – spiega Alessandro Giarraputo, enologo della Cantina – Poi è stata la volta di Nero D’Avola base spumante e Grecanico base spumante. Quindi Grillo, per fare l’Elitre, e a seguire Merlot, Sirah, Nero D’Avola e Cabernet Sauvignon”. Il risultato? Eccellente. “Avremo rossi straordinari e bianchi caldi, che in bottiglia più che di mela verde sapranno di albicocca. Prodotti di grande lignaggio, ottimi per un lungo affinamento in barrique”.
Fotogallery.

Il destino del vino? La personalizzazione

Il destino del vino? L’esclusività e la personalizzazione.
Se a Montalcino sono frequenti le adozioni di barrique in cui far maturare un vino assemblato con la consulenza di chi lo adotta, in Canada e negli Usa in nome della “democratizzazione dell’esclusività” il “wine fai da te” prende una nuova direzione: l’autoproduzione, sulla falsa riga dei kit per fare la birra in casa molto diffusi nei paesi anglosassoni.